L’articolo: “Operazione emorroidi laser” ti è stato utile?

Posted on

Oltre al tipo di intervento subito, per essere più completo puoi indicare il grado di emorroidi, il livello di dolore, e quanto sei soddisfatto dei risultati.

Come ogni intervento chirurgico, anche le operazioni di prolasso rettale non sono esenti da complicazioni. Sono presenti ferite chirurgiche che richiedono un tempo di guarigione di circa un mese e il post-operatorio può comportare un certo grado di dolore alle ferite chirurgiche. Ciò consente di eliminare la degenza preoperatoria e di effettuare il ricovero il giorno stesso dell’intervento. Il sanguinamento durante l’intervento ed il dolore postoperatorio sono sempre stati i problemi principali della chirurgia proctologica sia per il chirurgo che per il paziente. Quando le emorroidi raggiungono stadi molto intensi, quindi prolassano senza possibilità di essere reinserite manualmente, chi ne soffre deve eseguire un intervento che risolve il problema in via definitiva. Chi sceglie di eseguire questo intervento non deve avere delle emorroidi particolarmente prolassate, poiché il solo legamento non darebbe risultati ottimali. Il congelamento è eseguito attraverso il protossido d’azoto e questo particolare intervento viene impiegato per curare le emorroidi fino al terzo grado, anche in combinazione con la legatura. Tra gli interventi destinati alla cura delle emorroidi di IV stadio troviamo il metodo Longo, chiamato anche tecnica PPH. Un altro intervento ampiamente usato per curare le emorroidi è la emorroidectomia Milligan Morgan, ovvero la rimozione chirurgica delle emorroidi.

Emorroidi cura come curare le emorroidi Mai pi emorroidi

  • Sanguinamento;
  • Prurito;
  • Bruciore;
  • Muco;
  • Incontinenza o ostacolo;
  • Crisi dolorose;
  • Defecazione incompleta;
  • Feci sottili, o a pezzi, o caprine;
  • Anemia, anche grave.

Per la malattia emorroidaria di secondo grado, è necessario supportare la cura farmacologica con trattamenti ambulatoriali, come le legature elastiche o la scleroterapia.

“Per il quarto grado è assolutamente necessario l’intervento tradizionale di asportazione delle emorroidi o emorroidectomia. Il proctologo mi ha consigliato una Sfinterotomia Anale per curare ipertono e ragade ed un intervento con laser co2 per togliere le due Marische. Possibile che poi mi ritrovi con un post operatorio simile all intervento per emorroidi con il laser? MI assicura quindi non porti dolore come per le operazioni alle emorroidi? La cura più idonea della malattia emorroidaria è strettamente connessa con il grado evolutivo della stessa. Quindi l’estensione della resezione non è limitata dalle dimensioni della suturatrice e l’intervento risulta più radicale in particolare in caso di malattia emorroidaria di IV grado. Negli anni 2007-2008, è stata proposta una ulteriore variante dell’intervento di Morinaga, il cosidetto HeLP (Hemorroid Laser Procedure ovvero dearterializzazione emorroidaria trans anale mediante laser). Le arteriole che riforniscono le emorroidi (come sempre identificate per mezzo del doppler) non vengono più legate con un punto, bensì fotocoagulate mediante un raggio laser mirato. Il paziente lascerà il Centro Medico dopo poco autonomamente Trattamenti laser su emorroidi da me più frequentemente eseguiti: Anatomia del canale anale e del retto basso in sezione sagittale.

Operazione emorroidi Laser: Aspettative dopo il trattamento

  • Approccio addominale
  • Approccio perineale

Quando la terapia medica fallisce l’intervento chirurgico rappresenta la soluzione alla ragade cronica.

In questo arco  temporale abbiamo fatto parte di vari trial nazionali per validare tale metodica e partecipiamo al gruppo europeo sul trattamento endovenoso laser delle varici degli arti inferiori. Un metodo rapido di rimedi per le emorroidi in grado di donare sollievo alle tue parti intime in fiamme è la medicina naturale d’attualità. Questo sollievo per emorroidi è efficace ma temporaneo almeno per il dolore in quando ghiaccio e emorroidi non è un rimedio definitivo come può essere un’operazione al laser. La terapia medica è indicata soltanto nei casi di I° e II° grado. Per il III°, IV° grado e per il prolasso rettale, l’intervento chirurgico rappresenta l’unica soluzione. La legatura elastica, inoltre, è consigliata nei casi di emorroidi di secondo grado e terzo. Un altro nome con cui viene chiamato questo intervento è “terapia del freddo” proprio perché è attraverso il ghiaccio che l’emorroide viene eliminata. 2° e 3° grado iniziale, preferendosi un intervento chirurgico tradizionale nelle emorroidi di 3° grado con prolasso mucoso voluminoso ed in quelle di 4° grado. IV grado - quando le emorroidi ormai completamente prolassate non rientrano nel canale anale e rimangono sempre fuori.

L’articolo: “Operazione emorroidi laser” ti è stato utile?

  • Routine ematochimica chirurgica
  • Visita anestesiologica
  • Rx Torace (in casi selezionati)
  • Accertamenti specifici per singolo paziente per valutare il rischio operatorio in caso di malattie associate.
  • Raccolta del consenso informato

E’ sempre presente un prolasso della mucosa rettale che determina la discesa delle emorroidi al di fuori del canale anale.

Target: emorroidi di II-III grado sanguinanti senza prolasso. Si ricorre, in genere, alla legatura elastica delle emorroidi di 2° e 3° grado e all’asportazione negli stadi più avanzati. A differenza della legatura elastica, l’operazione chirurgica per l’asportazione delle emorroidi si effettua sotto anestesia generale o spinale. Affrontare subito questo problema equivale oggi a curarlo con il minimo dolore, evitando di dover ricorrere, un domani, ad un doloroso intervento di asportazione delle emorroidi. Recentemente è stata utilizzata la tecnologia laser per il trattamento indolore delle emorroidi. L’obiettivo della Laser Emorroidectomia non è quello di asportare le emorroidi ma di eliminare le arteriole che le riforniscono di sangue attraverso l’utilizzo del raggio laser. Le indicazione sono costituite dal trattamento delle emorroidi di II-III^ grado non accompagnate dalla presenza di un cospicuo prolasso mucoso del retto. I vantaggi della Laser Emorroidectomia, una terapia all’avanguardia, sono: • assenza di anestesia locale, • pronta autonomia del paziente che dopo l’intervento è subito in grado di camminare e riprendere fin da subito le sue normali attività.

Eliminare le emorroidi senza il bisturi: il laser in aiuto dell’uomo

La metodica differisce da altre tecniche che utilizzano il raggio laser come tagliente per effettuare l’intervento di emorroidectomia sec.

Questa tecnica può comportare la comparsa di dolore e di sanguinamenti a differenza della tecnica di laser emorroidectomia mediante fotocoagulazione dei rami dell’arteria emorroidaria superiore. La chirurgia laser per le emorroidi è chiamata anche la coagulazione laser. Il costo della chirurgia laser Questo tipo di laser chirurgia è più costoso rispetto ad altre soluzioni chirurgiche. Dopo il trattamento laser, si può andare a casa pochi minuti dopo l’intervento. In seguito alla coagulazione delle emorroidi attraverso il laser, può verificarsi in alcuni casi una perdita di sangue in piccole quantità, per una settimana fino a dieci giorni. Il trattamento di coagulazione laser viene consigliato in caso di emorroidi interne di II e III grado, resistenti a trattamenti conservativi. Successivamente all’intervento, si può effettuare una terapia farmacologica per ammorbidire le feci, ma l’alimentazione può essere ripresa il giorno stesso dell’intervento, Recentemente, però, anche la tecnologia è arrivata in questo ambito e il problema delle emorroidi può essere risolto velocemente con un nuovo trattamento chiamato Hemorrhoid Laser Procedure (HeLP). In questo intervento si utilizzano le proprietà del laser che ha la capacità di “prosciugare” le emorroidi dall’interno senza asportarle chirurgicamente. Può essere usata per curare emorroidi di 1°, 2°, 3° grado in combinazione con la legatura elastica e nella trombosi emorroidaria. Può essere eseguita nelle emorroidi di 1° , 2° e 3° grado e su emorroidi sanguinanti. L’intervento è indicato per emorroidi interne di 3° grado e per i prolassi di 2° e 3° grado della mucosa rettale. (emorroidectomia chiusa) La terapia con laser CO2 consente di rimuovere efficacemente le emorroidi. L’emorroidectomia è un intervento molto serio e deve essere ben compreso (specialmente i rischi e gli effetti collaterali) prima di decidere di sottoporsi a questo tipo di operazione. Per i pazienti con una malattia di grado 1 (vedi classificazione) questo potrebbe essere sufficiente ma, nei gradi superiori, potrebbe essere necessaria un’ulteriore terapia. Tra le operazioni per curare le emorroidi quella secondo il metodo Milligan Morgan è solitamente la tecnica dedicata ad emorroidi di terzo o quarto grado, ovvero alle situazioni più gravi. Come vedremo nel video di seguito, questa tecnica comporta la legatura e l’asportazione del tessuto in prolasso, in sostanza l’eliminazione delle emorroidi lasciando la ferita aperta.